Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana
News del 12 febbraio 2019 Manifestazioni

Designata la squadra italiana per la Coppa Europa Continentali 2019

La squadra italiana per la Coppa Europa razze continentali è stata composta: ieri, 11 febbraio 2019, ad Paradas in Andalusia si è tenuta la cerimonia di presentazione delle quindici equipés che parteciperanno oggi (12 febbraio) e domani (13 febbraio) a questo prestigioso appuntamento annuale.

L'Italia concorrerà con Argentina, Belgio, Danimarca, Francia, Grecia, Olanda, Montenegro, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Svezia, Ucraina, e Spagna, con la squadra di cinque cani selezionati da Amedeo Bovicelli incaricato dall'ENCI.

Si tratta di Muller di Massimiliano Meloni, Lolita di Alessandro De Fuschi, due kurzhaar condotti da Mauro Pezzulli, Mosé di Cascina Croce di Claudio Gritti, bracco italiano condotto da Vinicio Tognolo, Venturelli's Kevin epagneul breton di Cesare Venturelli condotto dal figlio Filippo e Boss di Claudio Cavalli altro kurzhaar condotto da Tullio Bottani.Al momento tra di loro la riserva è Lolita.

Il selezionatore Amedeo Bovicelli commenta così al preludio dell'ennesima dimostrazione per la cinofilia italiana nel confronto mondiale: "Ho accettato con onore e responsabilità questo prezioso incarico, nella cognizione che nulla di facile mi attendeva. I cani dell'allevamento italiano mantengono globalmente una qualità media molto alta e quindi giungere a designare solamente cinque di loro in un gruppo ben più nutrito risulta apparentemente vantaggioso ma ben poco semplice nella decisione finale. Ho avuto modo di osservarne alcuni prima di giungere qui in Andalusia ma sapevo che poi la scelta finale si sarebbe concretizzata proprio in questi terreni e su questo particolare selvatico. Dopo aver interpellato tutti i conduttori presenti e chiesto loro di propormi quei soggetti che ritenevano all'altezza della selezione, ho cercato di rendermi conto direttamente osservandoli sul terreno nei pochi giorni prima dell'8 febbraio, data nella quale mi era stato chiesto di comunicare la squadra finale. Sono sereno, provato ma soddisfatto e ringrazio concorrenti e proprietari per la sensibilità mostratami nell'avermi lasciato lavorare senza la minima pressione. Adesso non mi resta che accompagnare questi prescelti con la speranza che possano dimostrare le grandi qualità in loro possesso. Ringrazio anche l'ENCI per avermi concesso questo onore.".

Marco Ragatzu