Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

BEAGLE

Storia

Si dice che il Beagle sia stato creato riducendo il più grande Foxhound, per poter seguire a piedi la caccia, preferibilmente della lepre. È ancora usato in muta, molto spesso con l’organizzazione di istituti, compreso collegi e scuole. Un piccolo cane zelante, sempre in agitazione, pieno di entusiasmo e vigore, sempre pronto per qualsiasi attività che lo coinvolga. Il Beagle è un cane atletico sotto ogni aspetto e non c’è niente di meglio che vedere una muta di Beagle in pieno inseguimento, con le teste abbassate sull’usta, le code levate rigide per la concentrazione nella caccia. Durante il regno di Enrico VIII° e Elisabetta Iª c’erano Beagle a pelo duro, alcuni dei quali abbastanza piccoli da poter essere portati nella tasca di una giacca da caccia. La taglia è aumentata nel corso degli anni, ma talvolta nascono ancora versioni più piccole della razza, chiamati “pocket Beagle”.

Aspetto Generale

Segugio vigoroso, dalla costruzione raccolta, dà nello stesso tempo l’impressione di qualità senza essere grossolano.La lunghezza della testa, tra l’occipite e la punta del tartufo, è divisa dallo stop in due parti il più uguale possibile. L’altezza al gomito è circa la metà dell’altezza al garrese. Cane brioso, la cui funzione essenziale è la caccia, soprattutto alla lepre, che insegue col fiuto. Coraggioso, molto attivo, resistente e determinato. È anche attento, intelligente e di carattere sempre uguale. Amabile e sveglio, non mostra mai aggressività né timidezza. 
Codice FCI 161
Gruppo 6 - SEGUGI E CANI PER PISTA DI SANGUE
Sezione 1A - CANI DA SEGUITA
Tipo SEGUGI DI PICCOLA TAGLIA
BEAGLE © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni

Commenti NON ufficiali

Commenti non ufficiali ma validati dal comitato consultivo degli esperti giudici.