Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

EPAGNEUL OLANDESE DI DRENT

Storia

Questa razza si è sviluppata nel corso del 16° secolo; era originaria dai cani da ferma che, passando dalla Francia, provenivano alla Spagna, ed erano chiamati Spioenen ( o Spaniolen). In Olanda si diede loro il nome di “Patrijshond”, cioè “Cane da pernice”. Nell’est del paese, soprattutto nella provincia di Drent, questi cani furono allevati come pura razza, senza alcun apporto di altre razza straniere, come avvenne invece in altre regioni. Il 15 maggio 1943 la razza fu riconosciuta dal Raad van Beheer op Kynologisch Gebied in Nederland. Questo riconoscimento fu attivamente appoggiato dalla Baronessa van Hardenbroek e dai Signori van Heek junior e Quartero. Questa razza è strettamente imparentata con Piccolo Münsterländer e l’Epagneul français. Il 5 giugno 1948 fu creato il Club responsabile della razza con il nome di “Nederlandse Vereniging de Drentsche Patrijshond”

Aspetto Generale

Cane dalle linee pulite, ben proporzionato, dalla muscolatura asciutta, il cui corpo mostra potenza e anche la capacità di sviluppare la velocità necessaria ad un cane da caccia. Ha un muso a forma di cuneo, che è leggermente più corto del cranio e labbra piuttosto asciutte, non pendule. Il suo corpo è leggermente più lungo dell’altezza al garrese, quindi è leggermente allungato. Il mantello, sebbene non veramente lungo sul corpo, sembra lungo a causa degli orecchi molto forniti di pelo, del pelo alquanto più ricco sul collo e petto, degli arti frangiati anteriori e posteriori, e della coda cespugliosa, riccamente frangiata su tutti i lati.
Codice FCI 224
Gruppo 7 - CANI DA FERMA
Sezione 1A - CANI DA FERMA CONTINENTALI
Tipo TIPO EPAGNEUL
EPAGNEUL OLANDESE DI DRENT © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni