Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

LANDSEER

Storia

Il landseer è un cane appartenente ai molossoidi; deve il suo nome al pittore Edwin Landseer, che in alcune delle sue opere (tutte a carattere naturalista) ritrasse un grosso cane bianco e nero. In realtà non è certo se si trattasse di un terranova bianco-nero (conosciuto appunto come terranova tipo landseer, o landseer tipo britannico americano) o di un vero "landseer" che si distingue dal "cugino" americano soprattutto per gli arti relativamente più lunghi e per il carattere, maggiormente adatto alla guardia. Dotato anch'esso di notevole acquaticità, viene usato anche per il soccorso in acqua. L'origine della razza è molto controversa. Secondo alcuni, si tratterebbe di un cane originario della Scandinavia, (dove è tuttora molto diffuso), mentre secondo un'altra teoria la razza deriverebbe da cani importati in Europa dal nord-est americano (la stessa zona del terranova), a partire dal XVIII secolo, e si sarebbe sviluppata soprattutto in Gran Bretagna, Germania e Svizzera, dove ottenne un discreto successo, almeno fino alla metà del XIX secolo, quando iniziò a diffondersi il terranova. D'altro canto, c'è chi afferma che lo stesso terranova deriverebbe da cani portati sulle coste canadesi dai pescatori scandinavi. Le condizioni ambientali del suo paese d'origine ne hanno fatto un cane fisicamente robusto e frugale, con un carattere austero e piuttosto riservato

Aspetto Generale

Il Landseer deve dare l’impressione di un cane grande e robusto, dalle forme armoniose. Gli arti, soprattutto nel maschio, sono relativamente più lunghi di quelli del Terranova nero.
Codice FCI 226
Gruppo 2 - CANI DI TIPO PINSCHER E SCHNAUZER- MOLOSSOIDI E CANI BOVARI SVIZZERI
Sezione 2A - MOLOSSOIDI
Tipo TIPO CANI DA MONTAGNA
LANDSEER © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni