Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

LEVRIERO POLACCO

Storia

La presenza del Chart Polski in Polonia è provata fin dal 13° secolo; questa razza risale probabilmente ai levrieri asiatici del tipo Saluki. Poiché il Borzoi era sconosciuto prima del regno di Ivan il Terribile nel XVI° secolo, è impossibile, come invece dichiara l’autore russo Sabaniejew, che il Chart Polski sia il risultato di un incrocio tra il Greyhound e il Borzoi. Gli accenni al Chart Polski nella letteratura, specialmente in quella che parla di caccia, è frequente e le raffigurazioni sono decisamente senza diversità. Questa generale uniformità nei disegni e pitture prova che, a dispetto dei differenti incroci, l’aspetto originale della razza è rimasto invariato fino alla fine del XIX° secolo.

Aspetto Generale

Il Levriero Polacco è un cane di grande taglia, potente, muscoloso, decisamente più forte e meno fine nella forma degli altri levrieri a pelo corto (non deve tuttavia essere pesante o apatico). Nell’aspetto è simile al Levriero Asiatico che è il suo antenato. La forte struttura, il corpo raccolto, la muscolatura nettamente visibile e le mascelle potenti dimostrano che questo cane è stato usato a caccia nelle difficili condizioni del clima Polacco. Gli occhi espressivi, dallo sguardo vivace e penetrante, assumono un ruolo importante nell’aspetto generale del Levriero Polacco.
Codice FCI 333
Gruppo 10 - LEVRIERI
Sezione 3A - LEVRIERI A PELO CORTO
LEVRIERO POLACCO © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni