Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

SEGUGI SVIZZERI

Storia

Il segugio svizzero ha origini antichissime. La sua presenza ai tempi dell’Elvezia romana è attestata, su di un mosaico scoperto a Avenches, dalla rappresentazione di cani da muta corrispondenti alle nostre varietà di segugi svizzeri. Nel XV° secolo, questo cane era ricercato dai cinofili italiani e, nel XVIII° secolo, dai francesi per la sua eccezionale abilità nella difficile caccia alla lepre. Il suo allevamento autoctono è stato certamente influenzato da segugi di razza francese portati in Svizzera da mercenari. Nel 1882, viene stabilito uno standard per ciascuna delle 5 varietà di segugio svizzero. Nel 1909. questi standard vengono rivisti e si constata l’estinzione totale del segugio di Thurgovia. Il 22 gennaio 1933, viene redatto uno standard unico per le 4 varietà. L’antica varietà, il segugio del Giura del tipo Saint Hubert, oggi è scomparsa.

Aspetto Generale

Cane di media taglia; buona conformazione che indica vigore e resistenza, muso lungo e testa asciutta con lunghi orecchi che gli conferiscono un carattere di nobiltà. Ci sono quattro varietà di Segugi Svizzeri.

1. Segugio bernese

2. Bruno del Giura (segugio del Giura)

3. Segugio lucernese

4. Segugio svizzero

Codice FCI 059
Gruppo 6 - SEGUGI E CANI PER PISTA DI SANGUE
Sezione 1A - CANI DA SEGUITA
Tipo SEGUGI DI MEDIA TAGLIA
Varietà
A - DEL BERNESE
B - DEL GIURA
C - DEL LUCERNESE
D - SVIZZERO
SEGUGI SVIZZERI © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni