Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana

SMAALANDSSTOVARE

Storia

nel corso del 19° secolo, nella contea di Småland esisteva una grande varietà di segugi. Alcuni, di origine tedesca, polacca e baltica, erano arrivati in compagnia dei soldati che rientravano nello Småland dopo le grandi guerre (1611-1678). Questi cani da caccia, incrociati con dei cani delle locali fattorie, che erano di tipo Spitz, e con cani da caccia inglesi, divennero gli antenati del segugio dello Småland. Variavano sia la taglia che il colore, come pure la lunghezza della coda. Alcuni erano nero-focati, altri rossi o gialli. Comuni erano le macchie bianche. Alcuni nascevano con coda corta. Durante i primi anni del 20° secolo, furono compiuti grandi sforzi per ricostruire il tipo del vecchio Smålandsstövare e specialmente la varietà a coda corta, visto che il primo standard redatto nel 1921 permetteva tanto la coda lunga che quella naturalmente corta. Fu innanzitutto deciso che il colore sarebbe stato il nero-focato, ma il rosso e il giallo erano permessi, come le macchie bianche. Lo Smålandsstövare ha ricevuto continuamente infusioni di sangue nuovo, talvolta con l’aiuto di forti linee d’altre razze. È durante gli anni 1950 che si è utilizzato del sangue nuovo per l’ultima volta quando, durante un breve periodo, dei cani di tipo ammesso, ma di origine sconosciuta, furono registrati come Smålandsstövare.

Aspetto Generale

Cane robusto dall'aspetto elegante. Deve essere forte, ma senza avere una struttura pesante. Il pelo deve essere ruvido. Corpo quasi nel quadrato. L’altezza del torace deve essere quasi uguale alla metà dell’altezza al garrese.
Codice FCI 129
Gruppo 6 - SEGUGI E CANI PER PISTA DI SANGUE
Sezione 1A - CANI DA SEGUITA
Tipo SEGUGI DI MEDIA TAGLIA
SMAALANDSSTOVARE © NKU

Riproduzione Selezionata

Statistiche iscrizioni ultimi 10 anni