Ente Nazionale della Cinofilia ItalianaEnte Nazionale della Cinofilia Italiana
News del 30 aprile 2020 Enci In evidenza

CONFRONTO CON LE ISTITUZIONI e WDS 2020

Cari Amici,

in questi giorni, caratterizzati da momenti di grande incertezza, con gli amici del Consiglio abbiamo condiviso le tante problematiche legate alla difficile situazione del momento. Insieme si sono stabilite le linee incisive per rappresentare alle Istituzioni di riferimento le reali esigenze degli allevatori, della cinofilia nel suo insieme, per difendere il nostro settore in ogni suo aspetto e per programmare il suo rilancio.

Nell’identità che ci contraddistingue, senza preventivi annunci o proclami, abbiamo continuato a dialogare rispetto alla tematica inerente alla movimentazione dei cuccioli. A riguardo si è specificato in ogni sede (Ministero delle Politiche Agricole, Ministero della Salute, Dipartimento della Protezione Civile) che le “esigenze connesse alla salute ed al benessere degli animali” richiedono la necessaria movimentazione, opportunamente documentata, di cuccioli ceduti dagli allevatori a terzi, con consegna a domicilio da parte dell’allevatore oppure mediante servizio di trasporto autorizzato conto terzi. Si sono fornite tutte le specifiche tecniche utili, a tutela dell'attività di allevamento cinofilo e quindi della vendita dei cuccioli allevati. Oltre a quanto già ampiamente comunicato rispetto alla FAQ presente sul portale ufficiale del Governo, auspichiamo note più specifiche, a supporto di tutti gli allevatori. Siamo a conoscenza che il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero della Salute hanno sostenuto nelle più alte Sedi le richieste dell’ENCI. Attendiamo con fiducia le linee guida richieste in queste settimane da tutti gli allevatori.

Inoltre abbiamo richiesto all’on. Ministro, forti dell’interessamento che ha sempre dimostrato nei confronti dell’ENCI e della valorizzazione dell’allevamento cinofilo italiano, un INTERVENTO URGENTE di competenza Governativa, che possa riconoscere le agevolazioni previste dall’applicazione del regime speciale Iva anche per gli imprenditori agricoli e coltivatori diretti la cui attività è riconducibile all’allevamento e alla riproduzione di cani.

Altra tematica è l’attività di addestramento e allenamento dei cani, che può essere svolta sia all’interno di centri cinofili riconosciuti che nelle zone addestramento cani affidate in molti casi ad imprenditori agricoli singoli o associati. Si è specificato che la finalità dei centri cinofili e delle zone addestramento è legata alla possibilità di garantire alle figure professionali che se ne occupano di espletare la propria attività, in funzione del benessere psico fisico dei cani e per assicurare la continuità di percorsi educativi finalizzati a una corretta convivenza all’interno della Comunità. Si è specificato che il lavoro degli addestratori iscritti al Registro dell’ENCI si svolge in apposite strutture, in cui l’accesso è consentito ai soli soggetti autorizzati, sussistendo, pertanto, tutte le condizioni per poter garantire il rispetto delle prescrizioni inerenti alla sicurezza e al distanziamento sociale. In un momento in cui gli animali da compagnia, cani in particolare, stanno svolgendo un grande ruolo nell’alleviare l’impatto psicologico delle restrizioni e della modifica degli stili di vita, abbiamo chiesto che si possa, parallelamente, assicurare la ripresa di quei percorsi di educazione ed addestramento a tutela della salute fisica e psichica degli ausiliari.

Anche la Federazione Cinologica Internazionale (FCI) si trova a dover fare i conti con questo difficile momento, a partire dal World Dog Show 2020. Organizzato dalla Real Sociedad Canina de España e previsto per aprile, il WDS 2020 è stato una prima volta spostato al mese di luglio, ma la FCI è stata costretta a posticipare ancora una volta la data. In accordo con il Kennel Club Spagnolo, la FCI ha deciso di effettuare il World Dog Show nelle date del 17-18-19-20 dicembre 2020, a ridosso dell’ENCI WINNER. Per il Consiglio Direttivo dell’ENCI gli interessi della Cinofilia, considerata nel suo insieme, devono superare quelli dei singoli Kennel Club ed è per questo motivo che si è ritenuto necessario annullare l’ENCI WINNER 2020, l’Esposizione più importante d’Italia e riteniamo, con orgoglio, una delle manifestazioni cinofile più importanti sul panorama internazionale. L’ENCI ha sostenuto la decisione della FCI con grande senso di responsabilità, di appartenenza alla Federazione e, in questa particolare circostanza, di amicizia e solidarietà con la Real Sociedad Canina de España.

Per quanto riguarda le manifestazioni in Italia, queste potranno ripartire quando verranno chiariti i tempi e le esatte procedure per consentire la loro regolare effettuazione. Anche per questo aspetto l’ENCI si sta facendo portatore, nelle sedi opportune, degli interessi dei cinofili, che devono essere comunque armonizzati alle esigenze nazionali del contenimento della pandemia, per non trovarci tra qualche settimana nuovamente costretti a fermare ogni attività.

 

Il Presidente
Dino Muto